Gli errori da evitare: ecco perché NON devi andare dal commercialista prima di aver parlato con me

Da quando ho creato Assistenza Doc ho notato che tra le domande che mi vengono poste da chi si avvicina al settore ce n’è una che purtroppo a volte… non mi viene posta. Ecco perché ho pensato di giocare d’anticipo dedicandole un articolo, in modo da evitarti un errore che potrebbe avere delle conseguenze scomode.

 

I molti perché di un errore diffuso. La mia esperienza con Assistenza Doc

Chiamare il commercialista e chiedergli una consulenza prima di parlare con me è l’errore più comune, quello che rischiano di commettere tutti tirandosi la zappa sui piedi da soli. Quando qualcuno mi contatta e inizia timidamente ad approcciarsi al settore dell’assistenza domiciliare, una delle prime cose che gli dico è proprio questa: vai dal commercialista solo dopo aver parlato con me.

A volte il consiglio suscita qualche perplessità, cosa che capisco benissimo. L’esperienza con Assistenza Doc e gli anni che l’hanno preceduta, mi hanno insegnato a “leggere i sottotitoli” e quando mi interfaccio con una persona alle prime armi – che porta con sé il suo comprensibilissimo bagaglio di dubbi e paure – so bene che la fiducia è qualcosa che si costruisce col tempo.

È normale pensare di tutelarsi rivolgendosi PRIMA a un commercialista e in questo giocano fattori che hanno a che vedere con una mentalità diffusa e consolidata che vede (spesso a ragione) come rassicuranti alcune figure professionali che fanno parte del nostro contesto praticamente da sempre. Per quanto mi riguarda, sono il primo a consigliarti di consultare un commercialista… solo DOPO aver parlato con me, però. Ecco perché.

 

Il commercialista è un istituzione ma…

Viviamo in quello che è stato giustamente definito un “tempo liquido” cioè una congiuntura caratterizzata da cambiamenti rapidi e incisivi. In periodi come quello attuale, capita spesso che abbia luogo una sorta di sovvertimento di certi valori. Calando il discorso nel mondo del lavoro, questo significa – per esempio – che a volte chi esercita una professione antica non è il miglior referente a cui rivolgersi a proposito di ambiti lavorativi che iniziano appena a far capolino sul mercato.

È questo il caso del nostro settore, l’home care, il cui valore in termini di opportunità consiste sia nell’ampiezza della domanda sia nella novità della proposta. Questo per dire che è normale che i commercialisti consultati in merito, possano essere un po’spaesati e tendano (soprattutto) a prendere qualche granchio.

Non è un caso che, vista e considerata la presenza diffusa di dubbi sul settore, siano molti i commercialisti che mi contattano per chiedermi una consulenza approfondita.

 

Gli errori del commercialista e il know how che mi ha dato Assistenza Doc

La principale pietra d’inciampo, sta nella confusione che spesso e volentieri i commercialisti fanno tra prospettiva imprenditoriale e volontariato: cosa peraltro normalissima visto quello che è il passato (non remoto) del nostro settore. Questa confusione di base crea ovviamente parecchi misunderstanding rispetto a quella che è la formula giuridica migliore per aprire un centro di assistenza domiciliare.

Le mia esperienza pregressa nel settore e soprattutto il fatto di aver creato una realtà imprenditoriale articolata come Assistenza Doc, mi hanno permesso di maturare una conoscenza approfondita della burocrazia e della normativa specifica del mondo dell’home care.

Quello che ti consiglio quindi è di andarci comunque, dal commercialista, ma dopo un colloquio approfondito con me in modo che tu possa avere le idee più chiare su diversi aspetti: sul fatto che svolgerai questa attività come imprenditore e non come volontariato, su qual è la forma giuridica più adeguata per chi vuole aprire un centro di assistenza domiciliare (le tipologie sono tante e anche qui è molto facile commettere errori piuttosto gravi), su come vanno gestite le pratiche ecc… Evito di riassumerti qui tutte le tematiche che possono emergere da un colloquio, perché le cose di cui tener conto sono davvero tante. In parte ne parleremo in uno dei prossimi articoli… se invece vuoi saperne di più già ora, contattami qui!

 

2019-07-19T13:21:39+00:00

Scrivi un commento