Anziani e vacanze, turismo della Terza Età: cambia il mondo, emergono nuovi temi

Estate: si avvicinano le vacanze e questo spalanca le porte a una tematica ancora molto poco conosciuta, il Turismo della Terza Età

 

Anziani e vacanze

Turismo della Terza età, che significa? In parole povere, si parla del rapporto tra anziani e vacanze. Un tema che, al netto del vertiginoso aumento della popolazione anziana in Italia, promette di trasformarsi davvero in un nuovo ramo del marketing turistico e in un vero e proprio nuovo trend.

Aver creato un’azienda articolata come Assistenza Doc, mi impone di aggiornarmi costantemente come è d’obbligo per qualsiasi specialista del settore ed è proprio informandomi che ultimamente sono incappato in un articolo interessante che riguarda il tema del turismo della Terza Età.

L’articolo parla di un settore emergente che al momento, però, mostra di avere qualche difficoltà di definizione. Un po’per via della definizione stessa di “anziano” (a partire da che età si viene considerati anziani?) e un po’le caratteristiche specifiche dei “nuovi anziani” in quanto categoria a sé.

 

La Terza Età di oggi non è la Terza Età di ieri

Gli anziani di oggi hanno ben poco a che spartire con gli anziani di ieri e gli anziani del futuro prossimo saranno diversi dagli anziani di oggi. I cambiamenti avvenuti nel corso degli anni, ma anche il peso demografico decisamente più marcato hanno avuto e avranno sempre di più forti effetti sulla mentalità degli appartenenti alla cosiddetta Terza Età.

Parlando di vacanze, per esempio, quello che il mercato turistico fatica ancora a capire è che i nuovi anziani, come sottolinea l’articolo, “non possono essere incasellati in un gruppo unico perché a ben vedere sono piuttosto un aggregato di segmenti eterogenei”. Molti di loro non vogliono più essere ghettizzati nella classica categoria degli anziani in stallo da confinare obbligatoriamente alla bassa stagione. Altri, invece, hanno bisogno di garanzie, cure e caratteristiche di altro tipo.

Insomma: generalizzare è davvero il modo peggiore di affrontare quello che è a tutti gli effetti un fenomeno complesso, che peraltro non tocca soltanto gli anziani ma anche i loro familiari. Parlare di Terza Età e vacanze significa anche parlare dei problemi del familiare di un anziano che spesso cerca di trovare la quadra tra figli e famiglia e allo stesso tempo deve garantire al genitore una parentesi vacanziera altrove.

 

Non è solo un problema di marketing turistico

Se è vero, quindi, che guardando le cose dal punto di vista del marketing turistico è riscontrabile un evidente problema di gestione, è anche vero che guardando le cose da un altro punto di vista – quello degli anziani e delle loro famiglie – esiste una difficoltà analoga: il problema di affrontare in modo concreto un fenomeno nuovo.

Quando ho creato Assistenza Doc, l’ho fatto pensando (anzi, sapendo) che il modo migliore per affrontare qualcosa che non si conosce, è studiarla con pazienza e professionalità in modo da poter creare un team di professionisti su cui gli anziani e i loro familiari possano fare affidamento. Parlo proprio del significato etimologico: fare riferimento, confidare, dare fiducia. Le soluzioni non si improvvisano, si cercando da chi ci ha lavorato su per anni.

Più avanti, torneremo a parlare di questa tematica e ti dirò qualcosa in più dal punto di vista della mia esperienza con Assistenza Doc. Per saperne di più, contattami qui! 

2019-06-24T12:37:15+00:00

Scrivi un commento